Perchè Pandosia

E' difficile tentare una analisi della contemporaneità. Pandosia utilizza la chiave dell'ambiente anche se siamo troppo dentro alle cose che accadono per vederlo veramente. Ciò che possiamo fare è segnalare le emozioni e le analisi di ciò che osserviamo.

Il Logo di Pandosia

Il Logo di Pandosia è tratto da una brocca indigena del V sec a.C. rinvenuta a Ripacandida (PZ) raffigurante, la terra, l'uomo che regge la volta celeste in cui sono raffigurati i sette pianeti (Museo Nazionale di Melfi)

admin

/admin

About admin

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
So far admin has created 72 blog entries.

Cara Publiacqua SpA

di Nicoletta Forcheri

fontanapiazzadelcampoTutto è iniziato l’estate scorsa quando, al ritorno a casa da un’assenza prolungata (4 mesi), mi ritrovo una bolletta che suddivisa per il numero di utenti (4) corrisponde a 10 euro al mese per utente, pur non avendo consumato una goccia di acqua. Premetto che divido il contatore, e relativa bolletta, con una famiglia vicina, e che trovando eccessive le tariffe...

Ferrovie dello Stato, svendita continua

di Nicoletta Forcheri

pendolariIl blocco dei fondi alle Ferrovie dello Stato, annunciato due settimane fa dal Ministro delle infrastrutture Di Pietro, sarà apparsa idea balzana a qualcheduno: essendo in uno stato pietoso, non equivale a dar loro la mazzata finale? Se l'intento era rimetterle in sesto, penso che si possa dire sin d'ora che non sarà conseguito.Ma la realtà è molto più complessa...

L’acqua è mezzo pane

a cura di Pandosia

apituIl Sindaco di Rotonda, Giovanni Pandolfi, nel rispondere all’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 1 dicembre 2007 analizza le problematiche dell'acqua bene comune e indica gli obiettivi del comitato " l'acqua è mezzo pane" nella valle del Mercure - Parco Nazionale del Pollino

Il mosaico energetico di Otranto

a cura di Pandosia

mosaico_otrantoPandosia ripropone una intervista all'Assessore Sviluppo Economico e vice presidente della Regione Puglia Sandro Frisullo  rilasciata al Corriere del Mezzogiorno per l'interesse ed attualità che riveste per le nuove strategie energetiche italiane

Quante menzogne in nome dell’orso marsicano

di Franco Tassi

Sembra incredibile che, in questa società capovolta, anche l’animale forse più amato nel nostro Paese, l’Orso marsicano, sia diventato il bersaglio di efferati assassinii, tra ridicole contese politiche e penose sceneggiate, orchestrate con l’intento evidente di celare una triste realtà

Petrolio: l’elisir di lunga vita

di Pietro Dommarco*

conchigliaPetrolio che bello! Proprio quando i comitati e i cittadini lucani hanno cominciato a dissentire - facendo fronte comune - sulla possibilità di assistere all’ennesima opera di ricerca e perforazioni petrolifere nella nostra regione segnalando gravi carenze informative e di continuità circa la rilevazione dei dati del monitoraggio ambientale in Val d’Agri...

Acque basse da buttare nell’ILVA

di Vito L'Erario*

 

 

 

ilvaTra gli interventi per contrastare l’emergenza idrica del Mezzogiorno previsti dalla Legge Obiettivo trovano spazio la realizzazione di diverse infrastrutture strategiche considerate di interesse nazionale e di valenza interregionale. È il caso del progetto di riuso delle acque basse dela costa ionica lucana e del metapontino (Basilicata) da destinare all’insediamento industriale ILVA di Taranto

Adattamento è sinonimo di prevenzione

non di rassegnazione di Vincenzo Ferrara*

manifesto_olaAdattarsi ai cambiamenti climatici significa prevenire le conseguenze o i danni derivanti dai cambiamenti del clima e dai cambiamenti ambientali prodotti dal clima che cambia.Che vuol dire adattarsi...

 

La ricerca di idrocarburi in Toscana

di Nicoletta Forcheri

chiant3Dopo la notizia sulla stampa il 20 giugno scorso della concessione di permessi di ricerca di idrocarburi nei più bei paesaggi della Toscana e del mondo, è calato il silenzio...

Basilicata felix? spopolati

di Pietro Dommarco

calanchi_lucaniI dati sono allarmanti, le facce delle genti lucane “coperte” di rassegnazione e le storie di quel Cristo che effettivamente si è fermato ad Eboli sono sempre più ricorrenti, perché mai si è scovata la strada per arrivare in mezzo ai nostri luoghi ameni...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy e nell'informativa inserita nel menù a sinistra. Proseguendo, ne acconsenti l'utilizzo ed accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali. Leggi l'informativa estesa ai sensi del Regolamento (UE) 2017/679

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi