di Vito L’Erario*
gasdrilling_frackingLa mente è un assemblaggio di circuiti che si intersecano magnificamente tra loro. Quando l’impulso parte tutto si attiva simmetricamente quasi a raggiungere la perfezione. L’impulso è l’intuito, quando scatta è come un atleta alla partenza di una corsa. Già, esattamente quello che mi è accaduto. Ma veniamo al dunque. Capiamo insieme perchè questo titolo al post: Frack You.

La mente è un assemblaggio di circuiti che si intersecano magnificamente tra loro. Quando l’impulso parte tutto si attiva simmetricamente quasi a raggiungere la perfezione. L’impulso è l’intuito, quando scatta è come un atleta alla partenza di una corsa. Già, esattamente quello che mi è accaduto. Ma veniamo al dunque. Capiamo insieme perchè questo titolo al post: Frack You. L’hashtag #drilling mi ha condotto ancora una volta verso gli States, ad analizzare un’articolo che ho trovato di grande interesse per noi europei alla presa con la nuova frontiera mineraria: Shale e Tight Gas. Almeno così dicono i petrolieri e loro parenti. L’articolo in questione è di una radio web-radio americana chiamata NPR (National Pubblic Radio) a firma di Jeff Brady e si intitola: Focus On Fracking Diverts Attention From Horizontal Drilling (il fracking distoglie l’attenzione dalla trivellazione orizzontale).
Un titolo che ha catturato la mia attenzione, veramente interessante e ghiotto per essere approfondito. Ho sempre pensato che le trivellazioni o perforazioni orizzontali (Horizontal Drilling) potevano essere una sorta di parenti stretti con la discussa tecnica del Fracking, la fratturazione idraulica di un pozzo di idrocarburi. Nel ricordare cos’è il Fracking e vale a dire: una tecnica molto controversa che utilizza sostanze chimiche, sabbia e acqua in grande quantità, il tutto pompato a forte pressione per rompere le rocce in profondità (scisto) e liberare così gli idrocarburi (petrolio e gas); duole comunque sottolineare che è una pratica molto impattante per le falde acquifere sotterranee nonchè potenzialmente causa di micro terremoti indotti.

frackNPR però, lautamente scrive che c’è un’altra tecnologia da considerare: l’Horizontal Drilling. Si, la perforazione orizzontale dei pozzi petroliferi che sta interessando gli States. Jeff Brady scrive queste testuali parole nel suo articolo: “Horizontal drilling and fracking have been combined in recent years to make previously unprofitable deposits profitable” che tradotto significa “negli ultimi anni la perforazione orizzontale e il fracking sono stati combinati per effettuare ricerche in quei giacimenti che in passato non erano redditizi”. Diamine, mi son detto. Una conferma per noi della landa italica. Esattamente quello che abbiamo sempre pensato e sostenuto. Si sta raschiando il fondo del barile con effetti devastanti sugli ecosistemi di intere fette di territorio.
Ma c’è una differenza tra gli States e l’Italia. Enorme. Mentre in America se ne parla, si dibatte, si indaga, insomma, in Italia sono in pochi a parlarne. Sicuramente un dibattito, un po confuso, nei Movimenti ambientalisti è più attenzionato che dai media generalisti,  forse occupati da altro o semplicemente imbavagliati da qualche venerabile entità.

Badate, non sono io a sostenere il concetto di “combinazione” di Fracking e Horizontal Drilling, ma NPR per mano del suo giornalista Jeff Brady che ci invita comunque a nozze. Infatti, scrive ancora: “Combining both technologies has turned once sleepy communities into industrial zones in states such as North Dakota, Pennsylvania, Ohio and Texas…” che tradotto significa “la combinazione di entrambe le tecnologie ha trasformato le comunità, una volta addormentate, in zone industriali in stati come il Nord Dakota, Pennsylvania, Ohio e Texas…”

Ma ora torniamo al perchè del titolo di questo post, davvero curioso, penserete.

Diciamo da subito che l’idea nasce da una impertinente connotazione, così come scrive Jeff nel suo articolo:

“Anche se non si sente parlare di perforazione orizzontale in una canzone o vedere su un adesivo, è altrettanto responsabile come il fracking del cambiamento di paesaggi rurali. Allora perché tutta l’attenzione sul fracking?”
Chris Tucker della Independent Petroleum Association of America, sospetta che il termine “Fracking” sia stia  quasi per “bannare”. Perchè? La parola Fracking inizia con la lettera F e finisce con le lettere C-K, preludio alla parolaccia: FuCK! Proprio così.
L’osservazione di Chris Tucker si sofferma sul fatto che Fracking induce ad una parolaccia, insomma, e per i comunicati stampa è importante evitare di riportare un termine che connota una simile parolaccia. Un esempio di questa strana connotazione arriva dal brano “Don’t Frack My Mother” di Jimmy Fallon. Tutto ormai è Frack!

Cosa diversa è, invece, la parola Horizontal Drilling, esente da questa strana e volgare connotazione.

A quanto pare questo gioco di allusioni terminologiche pare abbia spiazzato anche gli stessi operatori del settore petrolifero.
Insomma, questo ed altro nell’articolo di Jeff Brady della NPR che apre nuovi scenari (anche lucani) di affrontare determinate situazioni.

Fracking e Horizontal Drillig sono quindi una micidiale combinazione? Mi spiego meglio: laddove c’è un pozzo orizzontale di petrolio o gas è stata utilizzata la tecnica del Fracking?

Difficile a dirsi, ma un sospetto in più mi viene e credo che a questo punto venga anche a chi mi legge.[Fonte: Vito L’Erario* – dal blog vilerola.blogspot.it]

Fonte: NPR