Perchè Pandosia

E' difficile tentare una analisi della contemporaneità. Pandosia utilizza la chiave dell'ambiente anche se siamo troppo dentro alle cose che accadono per vederlo veramente. Ciò che possiamo fare è segnalare le emozioni e le analisi di ciò che osserviamo.

Il Logo di Pandosia

Il Logo di Pandosia è tratto da una brocca indigena del V sec a.C. rinvenuta a Ripacandida (PZ) raffigurante, la terra, l'uomo che regge la volta celeste in cui sono raffigurati i sette pianeti (Museo Nazionale di Melfi)

Ricerche

//Ricerche

O sole mio

di Vito L'Erario

 

sole_manoJeremy Rifkin parla di “terza rivoluzione industriale”. Rifkin - fondatore e presidente della Foundation on Economic Trends (FOET) e presidente della Greenhouse Crisis Foundation, in una intervista rilasciata di recente a La Repubblica critica le scelte dell’attuale Governo del ritorno al nucleare - definendolo ad alto rischio, inconveniente e problematico per la produzione e smaltimento delle scorie radioattive

L’ipoteca dei cent’anni

di Pietro Dommarco

corleto_perticaraCorleto Perticara. Poco più di 3.000 anime, un passato da "giubbe rosse" garibaldine ed un presente scontato, sul filo dello spopolamento senza ritorno, ma con una speranza unica che ha il sapore dell'illusione...

Attenti a quelle “multinazionali”

delle ex municipalizzate 
acquaPandosia ripropone l'intervista a Aldo Quilico, presidente dell’Acquedotto del Monferrato, di Alessandro Mortarino (tratto da www.altritasti.it).

La ricerca di idrocarburi in Toscana

di Nicoletta Forcheri

chiant3Dopo la notizia sulla stampa il 20 giugno scorso della concessione di permessi di ricerca di idrocarburi nei più bei paesaggi della Toscana e del mondo, è calato il silenzio...

I roghi del Gargano

di Antonio Bavusi

costagargano

Utilizzare il satellite per cercare di scoprire la mano incendiaria che ha distrutto i boschi nel parco nazionale del Gargano significa cercare il classico “ago nel pagliaio” alla ricerca dell’atavico odio del pastore contro l’uliveto ed il campo del contadino da cui potrebbe anche essere scaturita la scintilla incendiaria. Il potente occhio del satellite potrebbe essere puntato sui “macroscopici” abusi edilizi passati, presenti e futuri del Gargano...

AAA, parchi svendesi

di Antonio Bavusi

tra_i_pini_loricati L’ assedio da parte degli interessi dell’impresa privata e le pressioni locali hanno stravolto le finalità ed compiti degli enti gestori segnalando la svendita dei parchi. Una chiave di lettura per comprendere i problemi dei parchi italiani tra pubblico e privato..

La risurrezione del nucleare?

di Giorgio Nebbia (per gentile concessione dell'autore)

manifestazioneottSi sono ormai spente le luci sulle affrettate rievocazioni della catastrofe di Chernobyl, di cui cadeva, il 26 aprile 1996, il decimo anniversario. In quella ormai lontana primavera ci si rese conto che era vero quello che alcuni andavano ripetendo da anni, che, cioè, "l'energia nucleare non è sicura, né pulita, né economica" e che non si trattava soltanto di tecnica  costruttiva dei reattori, o di efficienza degli operatori.

Sana semina, extrema spes

 di Franco Tassi

la_terra_in_testaRiportiamo queste riflessioni di Franco Tassi, anticipando il contenuto dell'articolo che comparirà sul prossimo numero di Villaggio Globale dedicato ai germogli. E forse, come ci dice l'Autore, la rinascita del nostro Mezzogiorno rifiorirà proprio dal recupero della sua vera semente, indissolubilmente legata alla terra, da tanti alberi e piante che ricrescono, da molti giovani che riprendono in mano il proprio destino: insomma, da un movimento spontaneo, libero e indipendente, capace di ritrovare la forza e la dignità di quel popolo, che affonda le proprie radici nella storia più antica. (Pandosia)   

Alberi e alberi di natale

a cura di Pandosia 

paesaggio_con_ulivi_verso_cracoEnrico Mattei, presidente dell'Eni, nel 1959 chiese a Joris Ivens di realizzare un filmato sui benefici della ricerca di idrocarburi in Italia dal titolo “L’Italia non è un paese povero” (1960). “Nel 1959 – scrive Ivens - avevo accettato di partecipare alla giuria del Festival di Venezia e, un mattino, ricevetti la visita di un giovane cineasta, Valentino Orsini, che veniva a propormi di realizzare un film per Mattei ...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy e nell'informativa inserita nel menù a sinistra. Proseguendo, ne acconsenti l'utilizzo ed accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali. Leggi l'informativa estesa ai sensi del Regolamento (UE) 2017/679

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi