Gli “esercizi preparatori” del laboratorio di sostenibilità e di pace è stato inserito nelle iniziative “Unesco Chair on Mediterranean Cultural Landscapes and Communities of Knowledge”. Il Laboratorio vede impegnati docenti e studenti dell’Unibas – corso di Laurea in Architettura di Matera Cattedra di Urbanistica (Prof. P. Pontrandolfi) e Cattedra Unesco di Matera (Prof. A. Colonna).

La direttrice di collegamento del “Cammino di Puglia” attraversa un territorio caratterizzato dal vulcano del Vulture a nord e dalla Fossa Bradanica e dalle Murge pugliesi ad est.

Lungo la faglia sismogenetica ancora attiva dell’antica depressione marina Jonio-Adriatica, l’Appennino Lucano spinge in alto le Murge pugliesi, caratterizzate da Gravine e Lame scavate dall’erosione millenaria dell’acqua che scorre in superficie e poi penetra in profondità nella piattaforma calcarea dell’Avampaese.

Questo unicum “geologico – storico-geografico e antropologico” costituisce indubbiamente un paesaggio mediterraneo. Per millenni la direttrice di spostamento di uomini e animali, da occidente verso oriente e viceversa, attraverso il Mar Mediterraneo – solo in apparenza disgiunto dall’itinerario terrestre – ha messo in collegamento popoli, culture e civiltà diverse.

Tratturi e strade consolari hanno formato la spina dorsale di questo sistema territoriale.

Da essa si dirama una rete trasversale di vie, tratturelli e bracci, a formare una trama di collegamento viario e di relazioni culturali ed economiche, che oggi vanno riscoperte e rivitalizzate attraverso idee e progetti innovativi, non solo per finalità turistiche, ma anche per una pace durevole e per la sostenibilità ambientale.

Temi non facili da trattare.

Crediamo però che le iniziative del laboratorio siano il modo più logico ma incisivo per conoscere e formare nuove professionalità nel campo dell’architettura, dell’urbanistica e dei beni ambientali e culturali, anche se il Cammino – ne siamo consapevoli – è un percorso qualche volta accidentato e insidioso, soggetto all’ingessamento dei temi culturali da parte di quanti sono interessati a relegare questi beni comuni a materia per addetti ai lavori e per progetti solo di facciata.

Il laboratorio per la sostenibilità e la pace – è questo il nostro auspicio – può essere uno strumento idoneo per conoscere il “paesaggio mediterraneo”, il sistema territoriale del Vulture, la Fossa Bradanica, la Murgia, le Gravine e le Lame che hanno sedimentato e strutturato nel tempo culture, civiltà, da quella rupestre a quella pastorale e agricola.

Un processo di acquisizione deve pertanto passare attraverso una “conoscenza interdisciplinare” che  comprenda le “trame” delle relazioni trasversali (“decumano” murgiano) che incrociano gli assi longitudinali del Tratturo Regio Melfi Castellaneta e della via Appia (i “cardi” della viabilità antica).

Questi territori inesplorati della “terra incognita” possono diventare luoghi ove intensificare gli studi e le ricerche, per conoscere e riconnettere i luoghi del passato all’attualità del territorio e alla vita degli uomini che lo abitano.

I “frammenti” del passato del Mezzogiorno-Meridies d’Italia, hanno solo bisogno di essere ricontestualizzati e attualizzati, per una nuova pianificazione e progettualità basate sulla conoscenza.

Esercizi preparatori Lungo il Cammino di Puglia – Anno 2017

17 e 19 Marzo 2017: accompagnati da Antonio Bavusi, Vito L’Erario e da Giuseppe Saulli, gli studenti e Laureandi del Corso di Laurea di Architettura (Cattedra di Urbanistica – Prof. Piergiuseppe Pontrandolfi) hanno percorso parte di itinerari trasversali situati lungo il Cammino di Puglia, nei Comuni di Spinazzola (17 Marzo) e Laterza (10 Marzo) per approfondire alcune tematiche legate al territorio murgiano e della Fossa Bradanica, riconducibili a diverse fasi della presenza antica dell’uomo e alle attività economiche prevalenti. Un’area vasta omogenea i cui caratteri vanno compresi e studiati.

17 Marzo 2017 – Spinazzola: luoghi, strutture, manufatti e cose notevoli visitate

  • Ex base missilistica Jupiter
  • Cava di bauxite
  • Inghiottitoi (voragine Cavone), doline e campi carsici – Foresta Acquatetta nel Parco Nazionale Alta Murgia – Gestione Arif Puglia (tipologie ambientali e naturali)
  • SIC – Sito di Importanza Comunitaria “Valloni di Spinazzola”
  • “Codex preistorico” Riparo Cavone
  • Masseria dei Cavoni
  • Villaggio Riforma Fondiaria Località Murgetta Rossi (Murgetta Rossa per carte IGM)
  • Sacrario eccidio dell’ultima guerra
  • Jazzo località Murgetta Rossa o Rossi (tipologia costruttiva)
  • Trullo Murgetta Rossa o Rossi (tipologia costruttiva)
  • Muretti a secco, votani e sistemi di raccolta dell’acqua (tipologie costruttive)
  • Epitaffio di Spinazzola

19 Marzo 2017 – Laterza: luoghi, strutture, manufatti e cose notevoli visitate

  • Centro storico
  • Museo della Ceramica
  • Oasi Lupu e parco regionale Terre delle Gravine

Licenza Creative Commons
Il Cammino di Puglia di Antonio Bavusi e Vito L’Erario è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso www.pandosia.org

E’ possibile richiedere gratuitamente, tramite modulo di contatto, la copia cartacea del testo Il “Cammino di Puglia” (192 pagine) indicando il proprio nome, cognome, indirizzo postale, CAP – nome del Comune di domicilio e recapito telefonico). Indicare il motivo del proprio interesse a ricevere il testo.